Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano

///Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano
Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano 2019-03-25T17:00:50+02:00

La Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano è una biblioteca specializzata, con sede a Torino, rilevante a livello internazionale per il patrimonio documentario in continuo aggiornamento e le rarità bibliografiche che conserva.

La sua storia inizia il 23 ottobre 1863 nel Castello del Valentino a Torino, quando, durante la prima assemblea, i soci fondatori dichiararono essenziali per le finalità del Club alpino l’attività editoriale e la raccolta di documentazione. Pochi giorni dopo fu stanziato un fondo per l’acquisto di libri.

La connotazione culturale del CAI e il legame tra scienza e alpinismo favorirono una rete di scambi internazionali. Alla formazione delle raccolte concorsero i doni dei soci, dell’Alpine club di Londra e di altre società affini. Molti noti autori come Walton e Whymper hanno offerto le proprie opere con dediche. Resoconti di esplorazioni e viaggi sono stati donati dal Circolo Geografico di Torino.

Oggi la Biblioteca conserva circa 39.000 monografie, di varie epoche e generi letterari, 1484 testate di periodici di tutto il mondo con circa 20.000 annate e cartografia storica e corrente.

Il patrimonio bibliografico comprende le pubblicazioni fondamentali sulle montagne del mondo, da quelle più rare come De Alpibus commentarius di Simler del 1574 o Itinera per Helvetiae alpinas regiones di Scheuchzer nelle edizioni del 1708 e del 1723, fino alle più recenti guide di alpinismo, escursionismo, sci e speleologia e riviste in varie lingue, molte delle quali risalgono a metà ‘800.

L’archivio storico, riordinato a cura della Sovrintendenza Archivistica del Piemonte e Valle d’Aosta, comprende manoscritti provenienti da fondi personali e sezionali, l’archivio storico del CAAI, carteggi di alpinisti tra cui Budden, Cibrario, Ferrand, Coolidge, Rey. L’inventario è consultabile online sul portale SIUSA (Sistema Informativo Unificato delle Soprintendenze Archivistiche).

Dal 2014 la Biblioteca partecipa al CAISiDoc Sistema documentario dei beni culturali del CAI. L’adesione è gratuita per tutte le biblioteche sezionali che ne fanno richiesta. 

BiblioCAI: il Coordinamento delle Biblioteche sezionali del CAI è un gruppo di lavoro che fa riferimento alla Biblioteca nazionale. Ha come obiettivo la valorizzazione e la divulgazione del patrimonio documentario sulla montagna e favorisce la gestione delle biblioteche supportando i volontari per uniformare la catalogazione, le tecniche di conservazione e di digitalizzazione.

Dal 2000 a oggi si sono svolti 20 convegni, 16 seminari e 13 corsi di formazione ai quali hanno partecipato circa 130 sezioni, con una presenza media di 30 soci per incontro.

La Biblioteca aderisce al CoBiS, Coordinamento delle Biblioteche speciali e specialistiche di Torino, istituito nel 2008 per promuovere una rete tra le differenti realtà documentarie a vantaggio di un migliore servizio per le istituzioni e il pubblico. 

Servizi: assistenza nelle ricerche, consultazione, riproduzione, prestito e document delivery.

Catalogo: https://caisidoc.cai.it/biblioteche-cai/Biblioteca-Nazionale

Periodici online : http://www.tecadigitale.cai.it

Sede e contatti:

Area Documentazione del Museo Nazionale della Montagna

Salita al Cai Torino, 12 – Monte dei Cappuccini – 10131 Torino
Tel. 011 6603849 – e-mail: biblioteca@cai.it

Orari: Martedì e giovedì 12.00-18.00; mercoledì e venerdì 10.00-16.00.

L’orario di apertura di 24 ore settimanali è ampliabile su appuntamento.

Chiusura il 24 giugno, San Giovanni patrono di Torino e due settimane in agosto

 

Login

Biblioteca Nazionale del Club Alpino Italiano