fbpx
04/05/2020|
- News |

Tamara Lunger ed Ettore Castiglioni protagonisti della rassegna ‘La montagna a casa’

Prosegue il cartellone di proiezioni organizzate dal Club alpino italiano – dal 5 aprile al 10 maggio – in collaborazione con Sondrio Festival, Parco nazionale dello Stelvio e il Museo Nazionale della Montagna di Torino. Attesa per venerdì con “Tamara Lunger – facing the limit” di Nora Ganthaler e Markus Frings e sabato con “Oltre il Confine. La storia di Ettore Castiglioni”. Novità anche con il primo film d’animazione”Viacruxis”, in programma mercoledì.

Una grande alpinista del presente, Tamara Lunger, e una indimenticabile figura del passato, Ettore Castiglioni, saranno i protagonisti della nuova settimana de “La montagna a casa“, la rassegna cinematografica del Club alpino italiano, organizzata sul proprio canale Youtube, in collaborazione con Sondrio Festival – Mostra internazionale dei documentari sui parchi, Parco Nazionale dello Stelvio e Museo Nazionale della Montagna di Torino.

Le due pellicole saranno in programma rispettivamente venerdì e sabato sera alle 21:00. Tamara Lunger – facing the limit, di Nora Ganthaler e Markus Frings presenta la figura della giovane alpinista bolzanina, la seconda donna italiana che a soli 23 anni, nel 2014, raggiunse la cima del K2. Successivamente, nel 2016, Lunger intraprese la storica ascesa invernale verso il Nanga Parbat, rinunciando a un centinaio di metri dalla vetta, per non mettere a rischio la sua vita e quella dei compagni di cordata, permettendo loro di concludere con successo l’impresa. Oltre il Confine. La storia di Ettore Castiglioni, di Andrea Azzetti e Federico Massa approfondisce invece una delle più amate figure storiche del Cai nel Novecento, riconosciuto “Giusto tra le nazioni” per il suo impegno di antifascista. L’alpinista infatti aiutò moltissimi ebrei e dissidenti a scappare in Svizzera attraverso le montagne.
La settimana comincerà martedì 5 maggio alle 21.00 con Il valore della biodiversità – Perù. Il documentario di Axel Gomille ci porterà nell’affascinante Parco Nazionale di Manu, uno dei più imponenti parchi naturali del mondo, dichiarato dall’Unesco Riserva della biosfera e Patrimonio dell’umanità.
Mercoledì sera invece ci terrà compagnia per la prima volta il cinema di animazione con Viacruxis, di Ignasi López insieme a Storia di una goccia di Nicoletta Favaron. Giovedì la serata sarà invece dedicata agli anni Settanta con Patabang, una storia degli anni ‘70 di Andrea Frigerio, una pellicola che racconta il gruppo di giovani che rivoluzionò l’alpinismo italiano in quel decennio, con “l’invenzione” della Val di Mello e del sassismo. Chiude la programmazione domenica 10 maggio Quelli che stanno al Nord di Maurizio Panseri e Alberto Valtellina: nel 1978 un gruppo di alpinisti di Colere aprì una difficile via sulla parete Nord della Presolana, in Val di Scalve, trent’anni dopo Yuri Parimbelli e Robi Piantoni, ritorneranno su quella stessa via.

Infine una curiosità, il Club alpino italiano ha deciso, come recentemente anticipato dal Presidente Torti durante la diretta Instagram con l’alpinista Hervé Barmasse, che, dopo oltre settant’anni, a campeggiare sulla tessera del Cai non sarà più una frase di Guido Rey. Al suo posto ve ne sarà una di Luigi Bombardieri:“La montagna è scuola di carattere, di onestà, di solidarietà e di amore per la natura”. Per conoscere meglio la figura di Bombardieri ricordiamo che è ancora disponibile online il film Solo in volo di Luca Maspes, sulla figura dell’alpinista valtellinese.

Ricordiamo che tutti i titoli in programma saranno disponibili sul canale Youtube del Cai in prima visione, a partire dalle ore 21.00 del giorno indicato e fino a trenta minuti dopo la fine del film. Il giorno successivo saranno disponibili in replica a partire dalle ore 17:30, fino a trenta minuti dopo la conclusione. Ogni giorno alle ore 12.30 sui canali social del Cai e su loscarpone.cai.it ricorderemo il film in programmazione alle ore 21.00 e quello in replica.

Login

Tamara Lunger ed Ettore Castiglioni protagonisti della rassegna ‘La montagna a casa’