Locandina escursione

La bella addormentata distesa nel suo dolce sonno. Il Dolcedorme.
Basta solo il riferimento antropomorfo della sua cima per suscitare il desiderio di raggiungerla, di ritornarvi, nonostante le difficoltà. Tra tutte le cime del massiccio è quella più interna, tranne che per il sentiero che sale ripidissimo dal lato sud, dalla parte di Castrovillari.
La lunghezza dell’escursione è però largamente ripagata dalla bellezza e dalla varietà del paesaggio.
Un incoraggiamento per chi fosse indeciso è che i primi e gli ultimi tre chilometri sono in leggerissima pendenza su una comoda sterrata. Una vera passeggiata di sei chilometri che dà coraggio.
Si parte da Colle Impiso lungo il Sentiero dei Carbonai fino a Colle Gaudolino, subito oltre la sorgente Spezzavummole, per proseguire lungo il Sentiero dei Pastori e uscire, immediatamente dopo la frana, nel pianoro delle doline alla base della cima di Monte Pollino.
Si attraversa in direzione SE tutta la zona di pascolo fino al Varco di Malavento (o Sella Dolcedorme) dal quale inizia l’ultimo tratto di sentiero che porta alla cima.
Sulla via del ritorno, la stessa dell’andata, giunti poco prima del piano delle doline si devia verso sud lungo un tratto di crinale, dove vecchi tronchi caduti di pino loricato nella loro viva immobilità raccontano di vite lontane. E lì, poco più giù, appena dentro il bosco, Il Patriarca! L’esemplare vivente più antico, almeno fino a qualche anno fa prima della scoperta di Italus. Ma non vi è record che tenga di fronte all’emozione delle possenti radici più grandi di grossi tronchi che emergono, quasi abbracciandole, da grandi rocce per poi confluire nell’enorme, possente tronco che si alza in alto verso i rigogliosi rami… Si scende lungo il sentiero che porta direttamente a Fontana Gaudolino per rientrare a Colle Impiso lungo la stessa comoda via dell’andata.
Lungo il tragitto è presente una fontana. Il percorso non presenta eccessive difficoltà di carattere tecnico salvo piccoli tratti esposti.

Direttori d’escursione
Franca Di Trana (tel. 320 1890881) – Vincenzo Lapetina (tel. 339 6961442) – Raffaele Lombardi (tel. 349 1301141)
Iscrizione
I responsabili saranno in sede dalle ore 19.30 alle 21.00 di venerdì 26 agosto per fornire ogni ulteriore chiarimento e prendere le adesioni. I non soci all’atto dell’iscrizione, che potrà avvenire esclusivamente in sede, dovranno compilare e consegnare agli accompagnatori il Modulo di Consenso al trattamento dei propri dati ai sensi dell’art. 23 del Dlgs 196/2003; Il modulo e la relativa informativa sono scaricabili dal sito della Sezione al link: https://www.cai.it/sezione/potenza
Quota di partecipazione
Soci CAI: € 3,00 – Non soci: € 10,00. Per i non soci la quota comprende l’assicurazione.
La località di partenza sarà raggiunta con auto proprie e le spese di viaggio saranno divise tra i passeggeri delle singole autovetture. Ove si raggiunga un numero di adesioni da 19 a 25 sarà possibile utilizzare un pullman al
costo di 20 euro a persona.
Appuntamento e partenza
Appuntamento ore 5,45 nel parcheggio antistante la Stazione ferroviaria FAL Potenza Inferiore (tra il passaggio a livello e il ponte Musmeci). Partenza ore 6,00.
Come raggiungere la località di partenza dell’escursione.
Raccordo RA5 – Uscita TITO – SS95var – BRIENZA – SS598 – A2 Ingresso ATENA – A2 Uscita CAMPOTENESE – SP241 – SP137 – Cappella Madonna del Carmine – Piano Ruggio – Colle Impiso.
Caratteristiche tecniche dell’escursione
Lunghezza ca. 18 km
Dislivello in salita ca. 970 m
Dislivello in discesa ca. 990 m
Tempo percorrenza ca. 8.00 h (escluse le soste)
Difficoltà EE
Coordinate WSG84
inizio escursione
UTM 33S 599326E 4420986N
Geografiche GD 39.933170N 16.162477E
Il Patriarca
UTM 33S 601103E 4417102N
Geografiche GD 39.89797N 16.18267E

Equipaggiamento necessario
I partecipanti dovranno calzare scarpe ALTE da trekking.
Si raccomanda di portare nello zaino: pile, giacca a vento, un antipioggia, almeno una borraccia da litri 1½ di acqua, il telefonino, un leggero pranzo a sacco, cappello per il sole. Si consiglia di lasciare in auto un cambio completo di abbigliamento. I responsabili si riservano il diritto di non ammettere all’escursione quanti non dimostrassero di essere in possesso dei requisiti fisici, tecnici o d’abbigliamento necessari.
Si ricorda che è facoltà dei direttori d’escursione modificare il percorso anche durante l’escursione.
In caso di previsioni meteorologiche avverse l’escursione potrà subire modifiche o essere rinviata.
Note
Per tutto quanto non specificamente indicato nel presente programma si fa riferimento al Regolamento delle Escursioni della Sezione CAI di Potenza che i partecipanti, iscrivendosi all’attività, confermano di conoscere e di accettare.