Monte Volturino

Direttori d’escursione
Enzo Guardascione (cell. 3493592808) – Antonpiero Russo (cell. 3331163061)
Responsabile Covid: Enzo Guardascione
Iscrizione
I responsabili prenderanno le prenotazioni sia in sede che per telefono, dalle ore 19.30 alle 21.00 di venerdì 4 giugno 2021. Per evitare confusione le prenotazioni telefoniche si faranno chiamando il D.d.e. . Guardascione, (cell 3493592808) L’escursione sarà a numero chiuso, max 20 partecipanti (esclusi i D.d.E.).
I soci saranno ammessi in ordine di prenotazione. Evitate di chiamare prima perché, per evidenti ragioni di correttezza, non saranno accettate prenotazioni telefoniche che dovessero giungere prima delle ore 19:30 di venerdì 4 giugno. Visto il numero chiuso, date l’adesione solo se siete sicuri di partecipare.
Tutti i partecipanti sono tenuti a compilare l’apposito modulo di autocertificazione Covid 19 e a rispettare le note norme di igiene personale imposte dall’emergenza sanitaria (distanza minima di 2 mt, mascherina in caso di impossibilità di mantenere la distanza per un lasso di tempo considerevole, gel disinfettante, non condivisione di cibo e di oggetti salvo assoluta necessità ecc).
I non soci saranno ammessi all’escursione solo nel caso in cui i soci siano inferiori a 20.
I non soci all’atto dell’iscrizione dovranno compilare e consegnare agli accompagnatori il Modulo di Consenso al trattamento dei propri dati ai sensi dell’art. 23 del Dlgs 196/2003. Il modulo e la relativa informativa sono scaricabili dal sito della Sezione al link: http://www.caipotenza.it/documenti-eregolamenti/iscrizioni
Quota di partecipazione
Soci CAI: € 3,00 – Non soci: € 10,00.
Per i non soci la quota comprende l’assicurazione.
La località di partenza sarà raggiunta con auto proprie e le spese di viaggio saranno divise tra i passeggeri delle singole autovetture. Salvo che si tratti di nuclei familiari conviventi, non saranno ammesse più di tre persone per autovettura. Salvo che si tratti di nuclei familiari conviventi, nelle auto è obbligatorio indossare la mascherina.
Appuntamento e partenza
Appuntamento ore 7.45 nel parcheggio antistante la Stazione ferroviaria FAL Potenza Inferiore (tra il passaggio a livello e il ponte Musmeci). Partenza ore 8.00
Come raggiungere la località di partenza dell’escursione
Partendo da Potenza dirigersi verso Viale del Basento, direzione Pignola. Alla seconda rotonda, altezza Pessolano, svoltare a sinistra per Pignola.
Superare Pignola e proseguire diritto fino al bivio per Abriola dove bisogna seguire le indicazioni per Sellata – Pierfaone mantenendo la destra (non prendere per Abriola).
Proseguire diritto superando gli impianti da sci di Sellata – Pierfaone. Prima di Piana Del Lago girare a sinistra e continuare sempre diritto fino al c.d. “Quadrivio”, luogo di inizio dell’escursione.
Questo, comunque, è il link da Google Maps per il “Quadrivio” partendo da Potenza.
https://www.google.it/maps/dir/Potenza+Centrale,+Potenza,+PZ/40.3932812,15.8399182/@40.3996316,15.8242408,15z/data=!4m8!4m7!1m5!1m1!1s0x1338e2f54101e07f:0x88a9843f721b4fef!2m2!1d15.8067761!2d40.6296449!1m0?hl=it
Su Google Maps è anche possibile inserire come destinazione, “masso dei gallesi – settore arrampicata” e fermarsi al “Quadrivio”.
Caratteristiche tecniche dell’escursione
Punto di partenza e arrivo: Lat: 40°23’38.32″ N
“Quadrivio” Long. 15°50’21.88″ E
Altitudine alla partenza ca 1310 mt
Altitudine massima ca. 1835 mt (Vetta Volturino)
Lunghezza ca. 11.5 km
Dislivello in salita ca. 700 mt
Dislivello in discesa ca. 600 mt
Tempo percorrenza 7.00 h
Difficoltà EE – Escursionisti Esperti
*
Descrizione del percorso
Il Sentiero del Ventennale del Cai di Potenza è il sentiero escursionistico più logico, elegante e “semplice” che collega Marsicovetere al il Volturino, la montagna più alta della Valle dell’Agri.
Per gli abitanti di Marsicovetere il sentiero del ventennale è, semplicemente, “Il Sentiero del Cai”.
Dalla sorgente del Copone al Piano dell’Imperatore il sentiero è ricco di sorgenti d’acqua, aree da picnic domenicale e bivacchi non esattamente autorizzati. Al Santuario della Madonna Assunta del Volturino si celebrano i matrimoni dei marsicani. In estate le notti, le albe ed i tramonti in quota sono un’esperienza che ogni appassionato d’Appennino dovrebbe fare, non solo una volta. Dal Volturino si ammirano il Monte Vulture, il Cervati, il Panormo, il Massiccio del Sirino con il Monte Papa, la Montagna Sacra di Viggiano, il Monte Alpi con le sue cime gemelle, il Raparo, i Monti del Pollino e, ancora più a sud, la dorsale del Pellegrino e la selvaggia Montea. Ottima è la visuale sul Monte Carmine di Avigliano. Sono ben visibili anche la Diga del Pertusillo ed i famosi (o famigerati) pozzi di petrolio della Val D’Agri. Il sentiero del ventennale, però, fa solo intuire la ricchezza escursionistico – alpinistica del Volturino. Il Volturino è una montagna vera: un po’ trapezio, un po’ ferro di cavallo, si struttura su due pendii, quello più boscoso a nord e quello più roccioso a sud.
Tutto il versante occidentale è percorso da ripidi canaloni di una minima complessità alpinistica: d’inverno, quando la neve ghiaccia (e ghiaccia spesso), si risalgono con piccozza e ramponi e d’estate ci si può salire con non poca fatica e grande spavento!!! Il Volturino ha una sua inaspettata “direttissima nord” che sbuca proprio alla fine della cresta sommitale lungo la quale, circondate da faggeta, si intervallano ampie conche e ripide salite.
Infine, al Volturino vi e la nostra piccola grande Valle di Mello: un’area di arrampicata libera frequentata da climbers provenienti da tutto il Sud, con 5 settori e circa 70 vie d’arrampicata, dalla
semplice “Come andare a scuola”, 5a mitico a Pietra del Brigante, al vertiginoso “‘Na Curt’data ‘Mpiett’”, uno dei 3 8a storici, sempre a Pietra del Brigante. L’escursione vuole accendere un faro su questo “lato” del Volturino, probabilmente sconosciuto a molti. Partendo dal quadrivio, lasceremo il sentiero del ventennale prima di Piano dell’Imperatore, all’altezza di un pessimo palo dell’Enel. A questo punto raggiungeremo subito la vetta risalendo il ripido ed arioso pendio sud che sovrasta il sentiero del ventennale (chi non se la sente può andare per il ventennale, resterà sempre sotto controllo visivo e non solo).
Raggiunta la vetta per la cresta (esposta e panoramica, ma con la possibilità di camminare lungo i bordi della faggeta), ammireremo ampi spazi, alti monti ed anche i famosi pozzi di petrolio.
Dalla cima del Volturino percorreremo tutta la cresta sommitale con i suoi in aspettati dislivelli osservando (solo osservando), i canaloni che corrono lungo la parete Ovest.
Al termine della cresta sommitale, proprio all’uscita della Direttissima Nord, inizieremo a ridiscendere, zigzagando, il pendio nord fino ad arrivare al c.d. “sentiero binario”, ampia pista forestale che ci porterà alla mitica Pietra del Brigante con le sue celebri vie di arrampicata. Dalla pietra del Brigante al Piano dell’Imperatore è un attimo. Giunti a Piano dell’Imperatore riprenderemo il ventennale che, ad anello, ci riporterà al quadrivio, non senza aver attraversato una giovane pineta, affascinate perché completamente fuori contesto, senz’alto frutto di un rimboschimento recente. L’escursione è impegnativa per il dislivello complessivo (in salita come in discesa), per la lunghezza, per la pendenza di alcuni tratti, per l’esposizione e per l’assenza, in alcuni punti, di un sentiero certo.
*
È anche un “work in progress” perché, in un qualche modo, potrebbe diventare un punto di partenza per la tracciatura di un nuovo sentiero, la variante EE al sentiero del ventennale, ossia il nuovo “Sentiero del Volturino”, per far conoscere meglio questa meravigliosa montagna “di casa”.
Sono presenti fontane e sorgenti di ottima qualità.
Equipaggiamento necessario
I partecipanti dovranno calzare scarpe ALTE da trekking.
Si raccomanda di portare nello zaino: maglione o pile, giacca a vento, mantella antipiogg

ia, almeno una borraccia di acqua da un litro, il telefonino, un leggero pranzo a sacco.
Si consiglia di lasciare in auto un cambio completo di abbigliamento.
I responsabili si riservano il diritto di non ammettere all’escursione quanti non dimostrassero di essere in possesso dei requisiti fisici, tecnici o d’abbigliamento necessari.
Si ricorda che è facoltà dei direttori d’escursione modificare il percorso anche durante l’escursione.
In caso di previsioni meteorologiche avverse l’escursione potrà subire modifiche o essere rinviata.
Note
Per tutto quanto non specificamente indicato nel presente programma si fa riferimento al Regolamento delle Escursioni della Sezione CAI di Potenza che i partecipanti, iscrivendosi all’attività, confermano di conoscere e di accettare.