Breve storia della Sezione

///Breve storia della Sezione

Breve storia della Sezione di Brescia del Club Alpino Italiano

Erano trascorsi dieci anni da quando lo statista Quintino Sella, uomo di scienza e profonda cultura, ebbe a fondare il Club Alpino Italiano che, diramatosi poi rapidamente in tutta Italia, oggi annovera oltre 320.000 soci.
L’Istituzione si propose, sin dalla sua costituzione (1863), di far conoscere la montagna, le sue valli, onde il nascente alpinismo potesse offrire ai suoi frequentatori quei vantaggi morali e fisici che la montagna può dare, in tutti i suoi aspetti.
Fu così che, nel lontano 1874, il 4 luglio, ebbe inizio la vita della Sezione bresciana del Club Alpino Italiano, fondata da sei appassionati delle più severe bellezze naturali (…..), facendo proprio il motto “Excelsior” al fine di imprimere una maggior conoscenza e valorizzazione della montagna. Subito la neonata Sezione si dotò di un regolamento in cui si indirizzò l’attività in tre sezioni: una di storia per studi di geologia, botanica e fauna; una seconda sezione di carattere economico, storico ed artistico; infine una sezione descrittiva per ascensioni di carattere alpinistico e scientifico. Approvato il regolamento, il Sodalizio  inizia l’attività  emanando il suo bollettino, del 1874, che sarà il primo di una lunga serie, oggi formata dal periodico semestrale “Adamello” sul quale, dal 1951, si raccolgono le esperienze dei soci nonché la cronaca dell’alpinismo bresciano.

Login

Breve storia della Sezione