fbpx
01/07/2020|
- News |

Il futuro della montagna tra tutela dell’ambiente e sviluppo del territorio

Il numero di luglio di Montagne360 affronta una tema di stretta attualità, con sostenibilità e inclusione tra i punti cardine. Poi l’estate atipica appena iniziata per gli escursionisti e il progetto “Panagea” dell’Agenzia spaziale europea.

Dalle Apuane ad Accumoli, dai Lessini al Monte Acuto fino al Terminillo: sono le riflessioni sul futuro della montagna il tema trainante del numero di luglio di Montagne360, la rivista del Club alpino italiano. Il mensile arriverà nelle edicole e nelle case dei soci i prossimi giorni, ma, come i tre numeri precedenti, è liberamente sfogliabile on line.

Il messaggio che si vuole mandare è molto semplice: “La tutela è sviluppo”. Scrive il direttore della rivista Luca Calzolari: “ogni progetto che può contribuire alla crescita e alla solidità finanziaria e produttiva dei territori deve tenere presente la tutela ambientale, la sostenibilità e l’inclusione. Tutte le iniziative che non rispettano questi tre presupposti rischiano di produrre scempi e ferite. Tutelare l’ambiente e il territorio significa creare uno sviluppo reale capace di unire turismo e produzioni primarie”.
Concetti ribaditi anche nel contributo sulla necessità per l’Italia di allinearsi all’Agenda 2030, firmato dal Presidente della Commissione centrale tutela ambiente montano del Cai Raffaele Marini, che evidenzia i concetti di “limite dello sviluppo” e di “necessari cambiamenti culturali”.

Lo speciale indaga i cinque casi citati in apertura, tra le conseguenze dell’attività di estrazione del marmo sulle Apuane, i progetti di costruzione di ulteriori impianti di risalita, strade e rifugi-alberghi in Appennino (tra Marche e Lazio) e le minacce di riduzione dei confini delle Aree protette (Parco della Lessinia in Veneto). Tutte iniziative invasive per l’ambiente alle quali va contrapposta la promozione di un turismo lento e di scoperta.
Alle Apuane è dedicato anche il portfolio fotografico, con sentieri, vie di arrampicata, rifugi, bivacchi e, naturalmente, il marmo e le cave.

Quella appena iniziata sarà un’estate atipica, anche per gli appassionati di trekking: due contributi si focalizzano sul dormire sotto le stelle, con le sensazioni ed emozioni date dal contatto con la natura e le indicazioni utili sui materiali per bivaccare in tenda (dove è consentito), mentre un terzo presenta la campagna del Cai “Scopriamo nuovi sentieri”, che propone ogni giorno un’escursione, perlopiù ad anello, lungo itinerari meno noti e non toccati dal turismo di massa, con un livello di difficoltà non elevato.

Camminare su altri pianeti” è il titolo dell’articolo sul programma “Panagea” dell’Agenzia spaziale europea (Esa), che permette agli astronauti di impratichirsi in diversi siti europei (dalle Dolomiti a Lanzarote) con caratteristiche analoghe ai terreni geologici lunari e marziani.
Le proposte escursionistiche e cicloescursionistiche di questo numero accompagnano il lettore in Valle Maira e sulle Dolomiti, con un focus sul Bletterbach, il “Grand Canyon” dell’Alto Adige”, mentre sono due i ritratti che ricordano personaggi che hanno vissuto per la montagna: il primo è del Ragno di Lecco Matteo Bernasconi, travolto da una valanga sul Pizzo del Diavolo il 12 maggio scorso, presentato dal Presidente del gruppo Matteo Della Bordella. Il “Berna”, oltre a essere stato un grande alpinista, viene dipinto come un uomo empatico e sincero, che ha affrontato diverse sfide, dalle Alpi alla Patagonia. Il secondo è di Gaston Guichionnet, uno dei più grandi specialisti di storia e geografia delle Alpi, che il 9 giugno scorso avrebbe compiuto 100 anni.
Il numero si completa con gli aggiornamenti sulla lavorazione delle Guide ufficiali del Sentiero Italia CAI, che usciranno il prossimo anno, e una curiosa storia di montagna, che parla degli orologi di un noto marchio al polso di Edmund Hillary e dello sherpa Norgary Tenzing durante la salita all’Everest del 1953: l’azienda produttrice decise infatti di appoggiare la spedizione per testare la resistenza di un cronografo.
Scienza, curiosità, attualità, cronache di nuove ascensioni e notizie dal mondo Cai completano come sempre il numero di luglio, in tutte le edicole a 3,90 euro.

Login

Il futuro della montagna tra tutela dell’ambiente e sviluppo del territorio