La giornata dedicata all’aggiornamento della SPE (Scuola Provinciale di Escursionismo del T.A.A.)

Alcuni momenti dedicati al ripasso delle manovre

Dopo il lungo periodo di fermo a causa della pandemia, riparte con la dovuta cautela anche la formazione dei titolati CAI. Nel prossimo mese di ottobre si terrà in Trentino – Alto Adige il IX° Corso di formazione e qualifica per gli Accompagnatori di Escursionismo dell’area territoriale T.A.A.  Per questo L’OTTO escursionismo CAI-SAT ha già bandito il corso in collaborazione con la SPE che condurrà i qualificati ASE a conseguire il titolo di AE. L’occasione è stata propizia anche per organizzare, su proposta del Direttore Luigi Cavallaro un aggiornamento tecnico per i componenti della Scuola stessa. Con la preziosa collaborazione dell’Istruttore Maurizio Ruaz della Scuola centrale di Escursionismo si è tenuta una giornata dedicata al tema. L’aggiornamento verteva su nodi e manovre di corda che possono essere utilizzati nell’escursionismo in caso di bisogno o necessità. Si è anche focalizzata l’attenzione sulle manovre essenziali come la messa a punto di ancoraggi, soste, le assicurazioni statiche e dinamiche, la posa di corda fissa, l’allestimento e prova di una corda doppia e la manovra di recupero con l’ausilio di paranco. Di particolare interesse è stata la discussione ed il commento di ogni manovra che ne illustrava le modalità e le motivazioni. Non è mancato infine il richiamo alla manualistica ufficiale CAI, così come alle innovazioni dei mezzi tecnologici dei materiali offerti sul mercato o alle novità che man mano vengono proposte sul campo dalle Scuole e poi adottate per uniformità. Al termine delle prove siamo stati ospitati al Rifugio Oltradige del CAI di Bolzano, dove Andrea a Martina hanno saputo offrirci le loro apprezzate specialità.    C.F.