print friendlyitalianoenglishfrancoisincrease fontresize font

News

25.09.2015

L'evento occorso il 14 settembre ha causato due vittime, un disperso e ingenti danni. Il ricavato della raccolta fondi sarà destinato al ripristino di un'opera pubblica

La notte del 14 settembre 2015 le valli Nure e Trebbia in provincia di Piacenza hanno subito gli effetti devastanti di una vera e propria tempesta di pioggia che ha riversato sui versanti in quota una quantità d'acqua eccezionale: oltre 300 millimetri in poco più di due ore che correndo sui terreni asciutti sono rapidamente e impetuosamente scesi a valle.

 

L'impatto sui pendii e sulle zone adiacenti all'alveo dei due fiumi (il Trebbia e il Nure) è stato tale da danneggiare pesantemente i paesi lungo il corso, isolare quelli sui versanti più colpiti, portare l'inondazione ed i suoi effetti fino alla foce dove si sono allagati i paesi limitrofi alla confluenza col Po.
Infine, ma forse prima di tutto, la strada di fondo della Val Nure, crollata per l’erosione, è stata la causa dei tracici eventi che hanno provocato due vittime ed un disperso, precipitati con l'auto nella voragine creatasi.

 

Il mondo del volontariato è immediatamente sceso in campo insieme alle istituzioni per il ripristino dei collegamenti e l'aiuto alle popolazioni. I soci della Sezione di Piacenza, il Soccorso Alpino del CAI, il gruppo sezionale dei volontari della protezione civile si sono subito uniti a tutti coloro che si stanno impegnando fin dai primi istanti dopo l'alluvione nell'opera di primo intervento e di pulizia, con il proprio supporto operativo e con la raccolta di indumenti e materiali.

 

Non bisogna tuttavia dimenticare le necessità economiche correnti e future per il ripristino di un’area tanto vastamente colpita e già solitamente povera di risorse. A questo scopo è stata promossa una raccolta di fondi tra tutti i soci ed i simpatizzanti: potete fare i vostri versamenti sul conto corrente appositamente aperto dal CAI Emilia-Romagna presso la banca UNICREDIT, filiale di Reggio Emilia, piazza del Monte,

IBAN IT 15 I 02008 12834 000103925165 con la causale “Raccolta fondi alluvione valli piacentine”.

 

I fondi raccolti saranno destinati al ripristino di un'opera pubblica danneggiata, che sarà individuata dai soci della Sezione di Piacenza, unitamente al CDR CAI Emilia-Romagna, sulla base dell'elenco delle opere danneggiate stilato dagli organi di Protezione Civile.

 

 

Il Presidente Sezione di Piacenza G. PAGANI            Il Presidente CAI Emilia-Romagna
               Vinicio Ruggeri                                                Aldo Scorsoglio   



 

Sede centrale del CAI

Via E. Petrella, 19 - 20124 Milano - Tel. 02/2057231 - Fax 02/205723201 - posta elettronica certificata
P.IVA 03654880156
Cookie policy
Intera srl